Prospettive lavorative a Dubai

Per gli italiani, lavorare a Dubai è un sogno: le opportunità sono molte, gli stipendi alti e i benefit molteplici, ma è davvero facile trovare lavoro a Dubai? E tenerselo? E gli stipendi sono davvero da capogiro? Vediamo insieme come fare e quali sono le posizioni più richieste.

La qualità della vita in Dubai è mediamente molto elevata, poiché il costo dei beni al consumo è generalmente molto basso, ma anche perché l’area cittadina è divisa in distretti con una loro regolamentazione economica e fiscale, che comporta altresì diverse agevolazioni. Ma per poter vivere in una di queste zone, è necessario innanzitutto procurarsi un permesso di lavoro, le cui pratiche vengono normalmente espletate dalla stessa azienda da cui verrete assunti.

Per entrare a Dubai, non vi resta dunque che essere provvisti di un passaporto la cui validità sia almeno di sei mesi, proprio nel caso in cui il vostro viaggio sia per motivi impiegatizi. Cercate dunque innanzitutto, di trovare l’offerta di lavoro che fa per voi, consultando siti specializzati come lavorodubai.it, dubaijobs.net, uaestaffing.com, allarabia.com o jobsindubai.com; le figure più ricercate sono quelle che interessano il settore dell’Information Technology ma anche del commercio e del turismo.

Per i neolaureati in cerca di tirocinio non resta che rivolgersi all’ufficio placement della propria università. Atenei come la veneziana Ca’ Foscari ma anche Bicocca, Bocconi, Luiss, Iulm e Università di Verona hanno infatti avviato una serie di programmi in collaborazione con l’Ambasciata Italiana e con la Camera di Commercio degli Emirati, per permettere agli studenti di vivere un’esperienza di lavoro all’estero in un dato periodo di tempo.

Inizialmente, gli stipendi non sono molto alti ma il sistema lavorativo di Dubai è costruito sulla falsa riga di quello americano, quindi oltre al posto di lavoro, vi vedrete spesso offrire vitto, alloggio e possibilmente anche ulteriori benefit come computer e auto, tutto dipende dal ruolo che andrete a ricoprire. Siccome le opportunità di crescita nel Paese sono molte, per un cameriere che guadagna 400/500 euro più vitto e alloggio, la gavetta può essere molto rapida.

Ovviamente, il primo requisito da possedere, anche nel caso foste senza esperienza, è la padronanza della lingua inglese ad un livello che sia almeno medio-alto. Bisogna poi tenere a mente che Dubai si trova negli Emirati: per raggiungere un livello lavorativo soddisfacente, è necessario darsi molto da fare, lavorare diverse ore al giorno e rispettare i costumi culturali che sono particolarmente restrittivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *