Come diventare un imbianchino professionista

Tutti, almeno una volta nella vita abbiamo tentato di dipingere una stanza della propria casa, ma il lavoro da imbianchino professionista è tutt’altro che improvvisazione, prevede infatti molta più attenzione e accuratezza nel compiere il lavoro per dei committenti.

Poi c’è chi in mancanza di un impiego regolare decide di proporsi come imbianchino, senza considerare minimamente il fatto che per svolgere questo mestiere è necessaria una certa propensione e professionalità.

Cominciamo col dire che per diventare imbianchino professionista non sono necessari dei corsi particolari e inoltre non è necessario un titolo di studio. Ciò che occorre è avere una buona manualità, come in tutte le professioni legate al mondo dell’edilizia, ed essere provvisti di volontà e voglia di lavorare, mettendo tutto ciò che si è appreso direttamente in pratica.

Abbiamo chiesto ai blogger di www.colorivernici.it un consiglio su come potersi avviare a questa professione.

Il primo consiglio che possiamo darvi è quello di iniziare la propria carriera da imbianchino dapprima come aiutante, sotto l’attenta supervisione di una persona che compie questo lavoro da molti anni e soprattutto in modo professionale. Sarà necessario effettuare un po’ di gavetta, cominciando con lo svolgimento di lavori e mansioni molto semplici, fungendo da mano destra dell’imbianchino più esperto. Si inizierà così a prendere confidenza con gli attrezzi, imparandone nomi e funzioni. Da apprendista si partirà dalle basi, come ad esempio la preparazione degli ambienti dove lavorare, poi in seguito, si prenderà dimestichezza su tecniche e modalità di lavoro. L’obiettivo è quello di imparare un vero e proprio mestiere, per accedere gradualmente all’ambiente lavorativo e ai ritmi ad esso collegato.

Una volta trascorso questo periodo di praticantato, l’apprendista sarà giunto ad un livello successivo, avendo così acquisito una maggiore dimestichezza, con gli attrezzi e le tecniche di lavoro.

Se si decide di avviare un’attività in proprio da imbianchino professionista, allora sarà necessario aprire una vera e propria partita Iva oppure in caso contrario, proporsi direttamente a una ditta di costruzioni. Il tutto dipende dalla voglia di ampliare questa professione e di cimentarsi in modo serio in questa tipologia di lavoro.

Se la meta finale è quella di aprirvi una vostra azienda, un domani sarete proprio voi a fare da supervisore alle nuove leve, proprio come è capitato a voi in precedenza prima di avviare la vostra attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *