Lavorare In America

“Basta! Me ne vado in America”.

Alzi la mano chi non ha mai detto questa affermazione almeno una volta in vita sua. Sicuramente, l’American way of life e l’American dream sono concetti che ci sono stati inculcati molto bene da cinema e televisione basata su un modello occidentale (per non dire statunitense). Trovare lavoro, però, soprattutto nelle città simbolo, come New York, non è semplicissimo, anche perché ci sono delle rigide regole da rispettare alla lettera. Con questo articolo vogliamo darti una piccola bussola per farti una piccola idea di come poter lavorare negli States.

Prima di tutto, è bene che ti interroghi su ciò che desideri realmente. Orientati su una città in cui stabilirti e cercare occupazione. Da non sottovalutare il fattore lingua che resta, comunque, importante negli Stati Uniti anche se spesso è contaminata da slang che si sono formati nel corso dei secoli. Se conoscete l’inglese più britannico non spaventatevi. Vivendo e lavorando in America imparerai anche l’inglese americano e tutti i suoi modi di dire. Un fattore non meno importante da considerare è rappresentato dai servizi che lo Stato in cui vuoi vivere e lavorare. Tra questi si annovera la sanità, la previdenza e così via.

La prima cosa da fare è il visto. Se il tuo soggiorno su territorio americano supererà i 90 giorni avrai bisogno non soltanto del Passaporto ma anche del visto. Se ne sei sprovvisto o non hai stipulato il visto adatto alle tue esigenze non potrai cambiare il suo status a meno che non ritorni in Italia. Se entri in America con un visto da turista non potrai iscriverti ad una scuola di lingue o cambiare il tuo status. Il visto può essere richiesto al Consolato o all’Ambasciata statunitense. La richiesta può essere effettuata anche attraverso raccomandata postale. In Italia le ambasciate americane sono presenti a Milano, Firenze, Roma e Napoli.

Il Work Visa temporaneo può essere ottenuto nel caso in cui vogliate lavorare in America. La tipologia H1-B è valido tre anni ed è rinnovabile soltanto una volta. Per poterlo ottenere è necessario avere alcuni requisiti previsti dall’Ufficio Immigrazione e, cosa non meno importante, trovare un datore di lavoro che negli States sia disposto ad offrirvi un lavoro nonché caricarsi delle pratiche burocratiche. La work Visa dovrà essere accettata da Funzionario Consolare.

Passiamo ora al visto più celebre e di cui avrai sicuramente sentito parlare ovvero la Green Card. Si tratta di un permesso che ti permetterà di risiedere in modo permanente negli Stati Uniti per vivere o lavorare. La Carta può essere rinnovata allo scadere del decimo anno dal rilascio. Dopo cinque anni dall’ottenimento della Green Card potrai fare richiesta per diventare cittadino americano. Le modalità per entrarne in possesso sono tre. La prima è l’approvazione da parte dell’US Citizenship and Immigration Service (USCIS). La seconda è la richiesta di rilascio da parte di un familiare. Questa è la Family Immigration Green Card e può essere richiesta da un parente molto prossimo al costo di 500 dollari. La terza su richiesta del datore di lavoro. Si tratta dell’Employment Immigration Green Card in cui il requisito fondamentale è avere un contratto di lavoro e un datore di lavoro che si faccia carico delle spese di richiesta. In questo modo, otterrete alcuni servizi assistenziali ma non la cittadinanza. Un’altra modalità è quella di partecipare al Diversity Visa Program. In questo caso parteciperai ad una vera e propria lotteria (Green Card Lottery) che si tiene ogni anno e che mette in palio oltre 50.000 Green Card. Talvolta, potrebbe sembrare più facile vincere tale visto piuttosto che mettersi nelle mani della burocrazia. Ti consigliamo, comunque, di diffidare dagli innumerevoli siti internet che promettono la vincita immediata della Green Card. Diffida dai siti a pagamento! Il sito istituzionale, infatti, è www.dvlottery.state.gov. Puoi iscriverti gratis al sito nel periodo specificato. Gli unici requisiti che dovrai possedere sono il diploma e la cittadinanza in uno dei paesi che è iscritto al programma.

1 commento

  1. ida Rispondi

    Ma noi che siamo da un paese piccolo e che non abbiamo il diritto Di andare in America per esempio..Secondo vuoi che cosa dobbiamo fare ?? Per noi nn esiste una speranza ???

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>