Lavora Con Noi

Consigli utili per trovare lavoro e nozioni di business management

Longanesi

Un’altra tra le più importanti case editrici italiane è Longanesi.

Attualmente ha solo una sede centrale nella città di Milano. Quest’azienda è stata creata nel 1946 da Leo Longanesi e Giovanni Monti. Il successo arrivò subito. Solo un anno dopo, nel 1947, vinsero il primo Premio Strega della storia, grazie all’autore Ennio Flaiano ed al suo libro “Tempo di Uccidere”. Nel 1948, invece ebbero un boom di vendite grazie a “Il cielo è rosso” di Giuseppe Berto ed all’autobiografia “Ho scelto la libertà” dello scrittore Victor Kravchenko.

Questa casa editrice è stata acquistata nel 1977 dalla società Messaggerie Italiane. Dal 1980 fino al 1999 la direzione è stata presa dalle mani di Mario Spagnol, che ha portato la casa editrice Longanesi ad avere ancora un immediato successo quasi inaspettato come se l’azienda rinascesse sotto una nuova forma e partisse subito dalla cima delle aspettative del pubblico e dei consumatori. Evidentemente, il nome della prima gestione aveva già conquistato i lettori.

E pensare che tutto questo successo era partito da una piccola società con un capitale “misero” (almeno per le nostre abitudini) pari ad un milione di lire. La casa editrice ebbe una prima piccola sede dove lavoravano solo Leo Longanesi come direttore editoriale, una addetta alla segretaria e un responsabile delle vendite… La Longanesi nei primi tempi della sua attività, si occupò anche della pubblicazione del primo romanzo del grande e famoso Ernest Hemingway e lanciò anche molti autori italiani.

Nonostante le apparenze, Longanesi ha sempre lavorato con una filosofia di base anticonformista. Infatti ha sempre fatto le proprie scelte ed ha sempre accettato le collaborazioni più originali. Oltre alla classica narrativa e ali generi classici come il thriller, l’azione, l’avventura ed il fantasy, la casa editrice pubblica anche libri sull’arte, sul giornalismo, sulla scienza, sull’archeologia e sulla contemporaneità in generale. Ultimamente ha anche avviato una nuova collana nominata “Le Spade” .

La Longanesi ha la possibilità di mostrare un catalogo all’insegna dell’internazionalità, presentando sui suoi libri nomi famosi come quelli di Wilbur Smith, Bernard Cornwell, Michael Ende, Isaac B. Singer, William Golding, Jostein Gaarder, Denis Guedj, Patrick Süskind, James Patterson, Jung Chang, Elizabeth George, Clive Cussler, Vikram Seth, Iain Pears, Marion Zimmer Bradley, Arthur Golden, Susanna Clarke, Patrick O’Brian… e molti altri. Per quanto guarda gli scrittori italiani i nomi che spiccano sono quelli di Marta Morazzoni, Luca Ricolfi, Sergio Romano, Marco Buticchi, Tiziano Terzani, Piergiorgio Odifreddi, Francesca Marciano, Piero Ottone, Ennio Flaiano, Giuseppe Conte, Federico Zeri, Matteo Collura, Dino Buzzati ed Alfio Caruso.

Ora, naturalmente, è tutto molto diverso: non c’è più una piccola sede, poche lire in cassa, due dipendenti ed un direttore. Da diversi anni il successo ha fatto sì che l’azienda si ingrandisse, pubblicasse sempre di più e ampliasse le sue risorse, le sue collaborazioni, i suoi autori ed anche il personale.

Se lavorare in una casa editrice è stato sempre uno dei tuoi sogni, oppure è un sogno recente, non esitare e prova a mandare la tua candidatura. L’azienda potrebbe accogliere anche le tue idee e portarle al successo, come ha fatto fino ad ora.

Lavorare in un ambiente così interessante, pieno di iniziative e di nuove idee, potrebbe essere una grande esperienza per te. Potresti occuparti della consulenza, delle vendite, delle valutazioni, delle correzioni, delle pubblicazioni, della pubblicità, della stampa…

Se senti di avere le qualità giuste per un lavoro in una casa editrice, ti consiglio di non perdere tempo e di mandare una mail con il tuo C.V. con foto e la tua lettera di presentazione, all’indirizzo: info@longanesi.it . Potresti “cadere” in una magnifica avventura lavorativa in cui le tue passioni potrebbero dare il loro contributo ed anche venire premiate. Sei pronto/a per far vedere il meglio di te?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *