AQP

AQP è l’acronimo di Acquedotto Pugliese, un’infrastruttura pubblica per la distribuzione dell’acqua potabile sul territorio della regione Puglia e in alcuni comuni della Campania. Fondata nel 1999 a Bari, è una società per azioni che gestisce reti idriche per oltre 21.000 km.

La storia di AQP risale alla realizzazione del canale principale (nel 1870), alimentato dalle acque del Sele e costituente tutt’oggi la spina dorsale dell’acquedotto. Non essendo il sottosuolo pugliese ricco di acqua facilmente estraibile, si è da subito rilevata la necessità di una costruzione che ne permettesse la distribuzione, facile ed equa, sul territorio.

La prima struttura venne così avviata nel 1906. Nove anni più tardi, alcuni comuni della Puglia, tra cui Bari, vennero già alimentati. Con la fine del Primo Conflitto Mondiale, le opere di realizzazione raggiunsero anche Brindisi, Lecce, Foggia e Taranto. Durante il Fascismo, furono realizzati altri tronchi e diramazioni. Il principale è denominato Grande Sifone Leccese e si conclude nella monumentale cascata di Santa Maria di Leuca, oggi attrazione turistica.

Con il progredire delle richieste, l’acquedotto pugliese iniziò a necessitare l’intervento di una nuova sorgente. Con la costituzione del valico Cassano Irpino-Caposele, AQP iniziò a ricevere anche l’apporto idrico delle sorgenti del fiume Calore. Uno dei rami attraversa le province di Potenza e Avellino, interessando alcuni comuni dell’Irpinia.

Allo stato attuale, sotto le intendenze di AQP si trovano, oltre alla struttura principale dell’Acquedotto del Sele – Calore, i grandi sistemi idrici dell’Acquedotto del Fortore, del Sinni – Pertusillo, dell’Acquedotto del Locone e del Lofanto. La rete che ad oggi gestisce si compone dunque di poco più di 10mila km di reti fognarie e di 182 depuratori.

L’azienda è costantemente impegnata nelle opere di ammodernamento e potenziamento, per far fronte alle rinnovate esigenze dei comuni. Tra le azioni più significative, segnaliamo la realizzazione di un sistema di telecontrollo delle reti per la ricerca delle perdite. L’opera include anche la realizzazione di dissalatori, potabilizzatori e di nuove condotte adduttrici. Inoltre, dal 2009, AQP si occupa anche della produzione di compost.

Se vuoi lavorare per AQP, clicca sul link qui sopra. Nella sezione ‘Opportunità di lavoro > Selezioni aperte’ si trovano tutte le posizioni offerte dalla società. In alternativa, iscriviti a myaqp, il portale d’accesso con credenziali o segui la loro pagina Twitter, così riceverai tutte le informazioni inerenti alle nuove opportunità di lavoro pubblicate. Scegli quella che corrisponde alle tue competenze, e invia il tuo CV. Le candidature spontanee non saranno prese in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *