Lavora Con Noi

Consigli utili per trovare lavoro e nozioni di business management

Perché lavorare in banca

Lavorare in banca è da sempre uno dei lavori più ambiti da tutti.

Da ricerche effettuate risulta che il 41% circa dei giovani interessati hanno pensato almeno una volta di andare a lavorare in banca. E nella graduatoria tra le professioni di maggior prestigio, il lavoro in banca si attesta su una quarta posizione, sorpassata dalle altrettanto appetibili professioni del medico, dell’ingegnere e dell’avvocato.

Certo, rispetto al passato, questa professione ha perso un po’ del prestigio sociale che riscuoteva allora. Ma in ogni caso, esso risulta il sogno di tanti italiani.
Quali sono le motivazioni di tale successo?

Tra le motivazione principali di questa scelta al primo posto vi è essenzialmente la solidità offerta dal settore che di conseguenza si traduce nella stabilità fornita suoi dipendenti. C’è poi chi ravvede in questa categoria lavorativa, il classico mito del ‘lavoro sicuro’, il ‘posto fisso’ a cui tutti aspirano, mentre per altri ancora il settore delle banche risulta uno dei pochi ad offrire ancora pari opportunità per tutti.

Sebbene anche esso abbia risentito della crisi economica, è uno di quei settori che riesce comunque a tenere il passo piuttosto bene.

Con l’ingresso nel nuovo millennio il settore bancario ha subito molteplici cambiamenti. Principalmente la cosiddetta politica delle fusioni ha portato all’estinzione delle banche locali, anche se parallelamente si è assistito all’apertura di una rilevante numero di micro-sportelli.
Tra le figure maggiormente richieste nel settore, spiccano principalmente quelle dell’operatore allo sportello, il direttore della filiale e infine quello delle figure finanziarie.

L’operatore di sportello si occupa principalmente di versamenti, prelievi, bonifici, apertura e controllo di un conto corrente, e cambio valute. Tra i principali requisiti richiesti alla risorsa risaltano: il possesso di diploma o laurea nelle discipline tecniche ed economiche, e una minima esperienza di lavoro nel settore.

La figura del direttore di filiale è una delle più importanti del settore, in quanto si occupa di coordinare tutte le attività all’interno di una filiale. Requisito essenziale è quello del possesso di diploma o laurea con una votazione alta, elevate capacità relazionali e spiccate doti nella guida di un team oltre che nella risoluzione dei problemi.

Tra le figure più richieste vi è anche quella del consulente, il cui compito principale è quello di offrire prodotti e servizi adeguati ai clienti. Per operare come consulente oltre ad un titolo di studio adeguato, la risorsa deve possedere spiccate capacità di analisi delle richieste dei clienti.
Un’altra figura di rilievo è sicuramente quella del responsabile marketing, figura centrale nel settore. Ad essa spetta la direzione di tutta l’area marketing di una filiale attraverso la definizione e promozione dei prodotti, dei servizi e di nuove soluzioni mirate a soddisfare le esigenze dei clienti. La figura del ‘Credit manager’ si occupa invece principalmente della gestione della cassa e della tesoreria, mentre quella del ‘risk manager’, operare al fine di proteggere la banca da virus e attacchi informatici.

Lavorare in banca rappresenta dunque una grossa opportunità per tutti coloro i quali sono alla ricerca di una occupazione sicura, e che riesca al contempo stesso a procurare una crescita professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *